Al momento stai visualizzando Intelligenza Artificiale, a Ponza la seconda edizione del convegno dei Giovani Imprenditori Unindustria

Intelligenza Artificiale, a Ponza la seconda edizione del convegno dei Giovani Imprenditori Unindustria

“ARIA – Agire Razionale, Intelligenza Assistita”: il convegno dei Giovani Imprenditori di Unindustria sull’Isola di Ponza è giunto quest’anno al suo secondo appuntamento con la partecipazione di oltre 150 tra imprenditori, ospiti e stakeholders. Dopo la prima edizione nel giugno 2023, incentrata sui temi dell’Accoglienza, delle Risorse, delle Infrastrutture e dell’Ambiente, quest’anno il confronto si è sviluppato attorno al tema dell’Intelligenza Artificiale e delle tendenze per le imprese tra etica e regolamentazione, applicazioni e best practices.

Nel panel sono intervenuti Massimo Dal Checco Presidente Anitec – Assinform, Alessandra Santacroce Direttore Relazioni Istituzionali IBM Italia, Luca Valeri Amministratore Unico LV Group e Roberto Caramicca, Direttore Generale Banca Popolare del Cassinate.

La testimonianza del giovane imprenditore Luca Valeri, Amministratore Unico LV Group, che a proposito di Intelligenza Artificiale nelle Imprese ha presentato proprio un progetto innovativo sviluppato con l’AI: “Il mio desiderio era quello di investire nel territorio con un progetto innovativo e avanguardistico che potesse creare una sinergia tra il mondo dell’energia, che è il mio settore di riferimento, e quello dell’agricoltura, che spesso è visto in contrapposizione al valore creato dal settore fotovoltaico. L’investimento nasce dunque sul territorio e precisamente ad Alvito nella Val di Comino, dove abbiamo trovato le condizioni più adatte, e sono orgoglioso di poterlo presentare con Unindustria che è sempre attenta al territorio. Abbiamo quindi progettato una struttura sopraelevata di pannelli solari, a copertura di un vigneto per la produzione di Cabernet di Atina DOC, e tramite l’IA e dei sensori speciali per la gestione dei dati prevediamo di coltivare in modo innovativo queste prestigiose uve e nel contempo di fornire energia a 250 famiglie e 10 imprese locali, tramite la costituzione di una Comunità Energetica. L’indotto potrebbe generare occupazione per circa 50 persone, grazie alle stime calcolate sul nostro impianto a produzione totale. Puntiamo, quindi, con un progetto a sei mesi, di ottenere una produzione Green e Decarbonizzata“.